20141125_152046

Primo tavolo dei bisogni: Per un municipio a misura di donna.

Martedì, in occasione della Giornata Mondiale contro la violenza sulle donne, si è tenuto presso il municipio il primo Tavolo dei bisogni, incontro aperto a associazioni e residenti in tema di politiche di genere. Ad aprire i lavori l’Assessora alle politiche sociali Michela Ottavi (Sel), Sara Martorano, Presidente della Commissione Elette, il Presidente del XV Municipio Daniele Torquati e le consigliere Pd Lucia Mosiello e Agnese Rollo. Con loro Vittoria Tola, Presidente dell’Unione Donne Italiane.

Il XV Municipio si prepara a comporre il Piano Regolatore Sociale per il 2014-2018. Martedì, su iniziativa dell’Assessora Ottavi, si è tenuto il primo tavolo dei bisogni con la cittadinanza in tema di politiche di genere. Primo punto all’ordine del giorno, la mancanza di unaprogrammazione condivisa sul contrasto alla violenza sulle donne e sulla predisposizione di servizi a misura di donna nel quadrante di Roma Nord, forse il più sprovvisto della città.

Come sottolineato dall’Assessora, molte infrastrutture ci sono già, diversi servizi sono approntati: bisogna rimodularli, implementarli dove serve, avvalersi di competenze già presenti sul territorio, rafforzare una rete di donne che c’è e che si è forse dispersa sotto la precedente amministrazione, insomma garantire una continuità di discorso e di dialogo tra gli operatori attivi sui nostri quartieri.

Tema centrale dell’incontro, le politiche di contrasto alla violenza. Vittoria Tola, Presidente UDI, esordisce evidenziando il problema della mancanza di dati sulla violenza perpetrata nei confronti delle donne, delle raccolte incomplete realizzate da enti di ricerca internazionali o dal Ministero dell’Interno e della conseguente difficoltà di programmazione ed elaborazione delle giuste politiche.

Le fa eco Sofia Monazzi, del Centro Donne Artemisia, Labaro: è quanto mai necessario verificare i bisogni reali del territorio per non inseguire desideri o rappresentazioni forzate con annesso spreco di risorse.

Proviamo a sintetizzare noi un primo punto utile alla nostra riflessione: il XV Municipio, le sue forze politiche e le realtà associate, devono provare a darsi una mappa sociale dei bisogni quanto più veritiera possibile e disegnata sulla base di un metodo cooperativo, per evitare, come emerge dall’intervento di Ermes 2000, di ridursi a protagonismi senza progetto.

Per dirla con le parole della Signora Molinari: dobbiamo aprire insieme un tavolo delle solidarietà.

Portano la loro testimonianza anche le donne della cooperativa Cassiavass, un’esperienza che non tutti conoscevamo e che ci ha lasciati davvero ammirati. Presupposta anche qui la necessità di una rete, di un tessuto di accoglienza per le donne in difficoltà, Francesca Filippi presenta il progetto Power, un percorso di assistenza o meglio di recupero cooperativo dell’identità sociale della donna in difficoltà aiutandola a conseguire autonomia economica, l’unica vera via di emancipazione. Modello operativo: l’impresa sociale.

Più politico l’intervento di Simona De Angelis (Pd). Ci parla del ragionamento portato avanti da Snoq sulle politiche per le famiglie monogenitoriali, un tema effettivamente ancora troppo poco frequentato dal nostro partito come dalla politica, utile però a ripensare un welfare in profonda trasformazione. Insieme a tante altre, sottolinea l’importanza di dare continuità a spazi dialoganti sul territorio. Anche inediti.

Quasi in conclusione interviene Roberta Zoppi, di Occupiamoci di, educatrice. Ci lascia con dei versi di Dacia Maraini dando un po’ una scossa alla platea. Chi scrive, forse per età, forse pure per ignoranza, non li ricorda. Chiediamo, a chi fosse presente, di rintracciare Roberta e la poesia, troppo bella, troppo incoraggiante, per non portarla quotidianamente con sé. Ve ne saremmo davvero grate.

 

Simonetta NICOLAI

Segr. Circolo PD Ponte Milvio