Articoli

ATAC: 12-13 MAGGIO REFERENDUM TRA GLI ISCRITTI

Confrontiamoci per elaborare insieme una visione lunga della mobilità a Roma

La prossima settimana ci sarà il consiglio straordinario su Atac in Campidoglio, nel quale la Sindaca Virginia Raggi dovrà assumersi le proprie responsabilità sulle scellerate scelte assunte in questi mesi. Senza la procedura fallimentare, soluzione totalmente avventuristica scelta dall’amministrazione grillina, non saremmo arrivati a questo punto. Il Partito Democratico di Roma e il suo gruppo in assemblea capitolina hanno condotto un’opposizione ferma ma sempre responsabile alle scelte della Raggi su Atac nel prioritario interesse della cittá e dell’azienda, di chi la usa, di chi ci lavora proponendo alternative sempre respinte dalla maggioranza. Siamo al lavoro per coinvolgere le migliori energie della nostra cittá nell’elaborazione di proposte concrete per il futuro del trasporto pubblico, in grado di migliorare la qualità del servizio e al contempo di tutelare i livelli occupazionali. Quello che manca è una visione di insieme sulle politiche della mobilità, che passi per un protagonismo di Roma Capitale e una condivisione con la Regione Lazio e il Governo. In quest’ottica il referendum del 3 giugno rappresenta una grande occasione di confronto aperto per la città e uno stimolo fondamentale a cambiare direzione. A questo appuntamento il Partito Democratico vuole arrivare attraverso un percorso di coinvolgimento effettivo di tutti i propri iscritti. Per questo proporrò di utilizzare, proprio per questa occasione e per la prima volta, lo strumento del referendum consultivo fra gli iscritti, promuovendo per il 12 e 13 maggio, un week-end di approfondimento e discussione, che culminerà con un voto che rappresenterà la posizione ufficiale del Pd Roma sul referendum.

Andrea Casu