Articoli

Ignazio Marino: “Demolire il sistema per ricostruire. Ecco le priorità per Roma”

Il Messaggero, 12 giugno 2015

«Abbiamo fatto un’opera di demolizione della casa ora si può iniziare la ricostruzione. I romani dovranno fare altri sacrifici, non sarà un periodo semplice, ci saranno ancora lacrime e sangue, ma solo così potremo cambiare Roma». Ignazio Marino, ospite del forum de Il Messaggero, e dice che ora, «senza più la cappa» di Mafia Capitale, potrà iniziare l’operazione più complicata della sua carriera di sindaco e di chirurgo: «È come quando si asporta un male: c’è uno shock doloroso, ma poi affinché il trapianto funzioni va rimesso un nuovo organo. È quello che stiamo facendo».

Sindaco, a due anni dall’insediamento della sua giunta siamo ancora all’asportazione, un’operazione che sembra molto complicata. Non è meglio azzerare tutto e andare a votare?

«No. Io sono fortemente convinto che con la sfida del Giubileo e di Roma 2024 sia importante avere una giunta capace e preparata, che agisca con determinazione. Ciò che è emerso non è una sorpresa, è una sorpresa la dimensione criminale del problema. Io sapevo che mi candidavo contro quel tipo di sistema, avrei avuto un periodo di scontro conflitto e lacrime e sangue. E so che non è finita. Da quel mondo mi aspetto dei colpi di coda. Aspetto altre aggressioni contro di me e chi è vicino a me. quando tocchi interessi, quando togli somme importanti a certe persone faranno di tutto perché si ritorni a quel sistema. Ecco perché sarebbe un errore creare un vuoto di potere, con il commissariamento, una sola persona – anche se troviamo Nembo Kid o Mandrake – non ce la fa a controllare tutto. Noi anche in situazioni difficili come quelle di Ostia stiamo cambiando le cose». Continua a leggere

Spirito di squadra per la nuova fase del governo di Roma Capitale

Il 16 aprile l’assessore al Bilancio del Comune di Roma, Daniela Morgante, si è dimessa dall’incarico. Lo ha fatto in accordo con il Sindaco Marino e dopo «un confronto lungo e leale», coma ha dichiarato il Sindaco. Non ci sarà una sostituzione, perché Marino ha deciso di assumere personalmente la delega. In questi mesi, il Bilancio è un tema delicatissimo che la Giunta deve affrontare in tempi brevi. Infatti, entro luglio, dovrà essere pronto il bilancio di previsione del 2014. Nei mesi scorsi, il Pd Roma è stato al fianco della Giunta Marino, e anche in questa occasione, il segretario Lionello Cosentino ha ribadito l’intenzione di continuare a lavorare nell’interesse comune di Roma: «A Daniela Morgante – ha dichiarato ieri Cosentino – esprimo anch’io un ringraziamento sincero per il lavoro compiuto. Al sindaco Marino offro la collaborazione piena di tutto il Pd per affrontare, con spirito di squadra, la nuova fase. A Roma serve un bilancio che unisca rigore ad equità sociale. Un bilancio non solo di tagli, ma capace di guardare al futuro con due obiettivi: un salto di qualità nel funzionamento della macchina capitolina e delle aziende comunali e una politica di rilancio degli investimenti per lo sviluppo».