450-250-centri-estivi-rimini-bambini

SCUOLA E BAMBINI: SERVE UN PIANO CONDIVISO, POI GLI ANNUNCI

Come Partito Democratico di Roma per primi, tra le forze politiche della città, abbiamo indicato tra le priorità assolute per Roma e per il Paese la messa a punto di un piano finalizzato, pur nel rispetto del necessario distanziamento sociale, a ridurre i rischi che la prolungata permanenza in casa può comportare sulla sfera emotiva e psico-fisica soprattutto dei più piccoli. Ringraziamo Governo e Regione Lazio al lavoro senza sosta per questo obiettivo e di fronte alle dichiarazioni rese oggi dalla sindaca Raggi a un’emittente radiofonica a proposito dell’eventuale riapertura dei centri estivi in estate, sollecitiamo da parte sua un percorso seriamente condiviso in uno spirito più costruttivo di quello dimostrato fino a questo momento. La salute dei bambini, l’organizzazione delle famiglie non è tema su cui la sindaca può creare aspettative basate solo su sue personali opinioni. Serve un percorso serio, responsabile, condiviso con tutti i livelli istituzionali e con tutti gli attori coinvolti nella città sul tema dell’infanzia, dell’educazione e del diritto all’istruzione. In queste settimane l’amministrazione pentastellata ha alzato un muro di sorda resistenza a tutte le proposte che abbiamo avanzato a favore della città. Roma ha bisogno ora di un lavoro comune di tutte le istituzioni e le forze cittadine per garantire la salute e il benessere di tutti a cominciare da quello dei nostri bambini.

Annarita Leobruni, responsabile Scuola

Claudia Daconto, responsabile Comunicazione