Migranti, Pd Roma: “Raggi lascia per strada 786 persone”

sprar“Lasciare 786 persone in mezzo a una strada pur avendo a disposizione le risorse per accoglierle, questa è l’unica discontinuità del Movimento 5 Stelle al Governo di Roma riguardo il tema dei migranti”.
Lo dichiarano, in una nota, Andrea Casu e Sibi Mani Kumaramangalam, Segretario e Presidente del Partito Democratico di Roma. “Era stata proprio La Raggi a chiedere ed ottenere dal Ministero dell’Interno 2.774 posti d’accoglienza del sistema dello Sprar salvo poi riuscirne ad affidarne soltanto 1.988 lasciando di conseguenza per strada ben 786 persone. Ancor più grave il fatto che dal 1° luglio a oggi l’amministrazione non abbia fatto nulla per trovare una soluzione pur potendo contare sugli 84 milioni di euro di finanziamenti già stanziati”.

“I dati rilevati oggi da In Migrazione suscitano interrogativi inquietanti sulle ragioni che possono aver spinto il M5S alla scelta di scaricare sulle cooperative il 5 per cento del cofinanziamento previsto e a prevedere una serie di criteri che hanno portato alla non assegnazione di tutti i posti autorizzati sui quali siamo certi che i nostri eletti in Campidoglio sapranno fare piena luce” continuano il segretario e il presidente del Pd Roma. “Non vorremmo che questa scelta incomprensibile fosse un cinico artificio numerico con il quale la Raggi intende provare a ridurre solo sulla carta il numero di migranti a Roma, lasciando di fatto in mezzo a una strada centinaia di persone che invece di poter rappresentare una risorsa per la nostra città rischiano così di alimentare problemi di ordine pubblico” concludono Casu e Kumaramangalam. “Una scelta disumana, alla quale ci opporremo in ogni sede. L’ennesima promessa tradita dalla Raggi che sceglie così di rinnegare il proposito dell’accoglienza diffusa con la quale si era presentata in campagna elettorale viaggiando in netta contro tendenza rispetto agli altri enti locali”.