ius soli

Ius soli, incontro fra il Presidente del Pd Roma e il sottosegretario agli esteri Della Vedova

ius soliIl 2 agosto il Presidente del Partito Democratico di Roma Sibi Mani Kumaramangalam ha incontrata il sottosegretario agli Esteri Benedetto Della Vedova, al quale ha consegnato una lettera firmata da 11 rappresentanti di diverse comunità per sollecitare il governo a mantenere l’impegno sullo ius soli. Questo è il primo di una serie di incontri che ho in programma per portare la voce di chi vuole contribuire alla crescita di questo splendida terra.

Di seguito la lettera consegnata al Senatore Benedetto Della Vedova Sottosegretario Ministero degli affari esteri.

Illustrissimo Senatore,
Ci rivolgiamo a voi quali nostri legittimi rappresentanti, nei corpi legislativi e nella voce degli ideali, in veste di testimoni. Noi, che rappresentiamo le comunità di tanti che vivono in Italia e si sentono italiani pur essendo nati altrove, veniamo a raccontarvi della nostra angustia di padri e madri che ripongono nei figli la loro più grande speranza: la speranza di una vita normale nell’unico Paese che la maggior parte di questi giovani ha visto o è in grado di ricordare.

Lo sforzo per modulare la legge sullo Ius Soli non deciderà solo del loro futuro, ma rappresenta per l’Italia una vittoria reale contro la povertà e la marginalizzazione.

Le diversità, infatti, esistono. E nessuno più dei padri e della madri che vi scrivono ne è cosciente. La fatica di chi costruisce un futuro in una Paese diverso da quello dove è nato ricade, anche se non è una colpa, sui suoi discendenti. I nostri figli vanno a scuola qui, parlano la lingua italiana, imparano le intonazioni dialettali come quei madrelingua che, alla fine, diventano. Eppure, per quanto accoglienti le persone, gli insegnanti, i compagni di classe, una impalpabile nota di alienità rimane perché esiste, riflessa negli occhi di chi guarda anche senza malizia, la sottile differenza che li accompagna.
Questa diversità è una ricchezza o una condanna, a seconda della percezione di essere accolti, di appartenerne a questa Nazione, o di non esserne parte del tutto.
Gli immigrati non portano povertà, la maggior parte di essi la fuggono. E per loro un posto c’è, come dimostrano i tanti villaggi e frazioni in via di abbandono che hanno ritrovato nuova linfa. Se cioè è vero ora, lo è anche di più per i più piccoli che sono gli uomini e le donne del domani. Per loro – minorenni che vanno a scuola, vivono in Italia e non possono che sentirsi italiani – la concessione della cittadinanza è determinante. Riconoscerla è una mano tesa che conferma la loro identità. Concederla quando l’adolescenza avrà già scavato il solco del dubbio e la maggiore età li troverà esposti all’incertezza, sarà troppo tardi per mascherare il primo segno dell’esclusione.

La misura per la quale vi chiediamo di continuare ad impegnarvi non riguarda solo questi bambini, che sono relativamente pochi in numero. E’ una ventata di fiducia per tutto il Paese. E’ la prova, reale, solida, che all’integrazione non aspira solo chi viene da fuori. Che chi predica per dividerci dai nostri vicini di casa ha torto. Non è un incentivo a fare figli qui. Ma è un atto di sollievo per chi spera nel loro futuro. Perché quei bambini nasceranno comunque qui e ci rimarranno. La domanda è: avranno la possibilità di sentirsi buoni cittadini? O saranno “gli altri” per sempre?

Sibi Mani Kumaramangalam – Comunità Indiana
Margherite Welly Lottin -Comunita’ Camarunense
Valerica Tarca – Comunità Rumena
Eva Alejose Ocrospoma – Comunità Peru
Faruq Mohammad – Comunità Bengalese
Aziz Darif – Comunità Marocchina
Ashoka Ponnamperuma – Comunità Srilankese
Nurta Abbas – Comunità Somala
Dixi Yang – Comunità Cinese
Insa Ndiaye – Comunità Senegalese
Pia Eliza Gonzalez – Comunità Filippina