logo_democratiche

DONNE: TUTTE LE INFO PER ADERIRE AI TAVOLI DI ROMA

Il 9 gennaio scorso si è svolta la prima riunione delle coordinatrici dei tavoli delle donne promossi in occasione dell’assemblea delle iscritte romane alla conferenza delle donne democratiche che si è svolta il 30 ottobre 2019.

Il prossimo incontro è previsto per MARTEDI’ 28 GENNAIO ore 18.00 presso la Sala Conferenze del Partito Democratico, via Sant’Andrea delle Fratte, 16. L’appuntamento è aperto a tutte le donne, iscritte e no, che vogliono partecipare ai tavoli.

Si può aderire mandando una mail conferenzadonnepdroma@gmail.com indicando nome e cognome, numero di telefono, indirizzo mail, tavolo scelto

 

Qui di seguito una breve descrizione dei tavoli eleborata dalle coordinatrici

 

RETI SOCIALI

“Roma e le sue comunità. Dalla Riforma del Terzo settore alle sue declinazioni sul territorio: associazionismo, imprese sociali, persone”.
Il Tavolo si propone di aprire un dialogo e un confronto con quella città che costruisce ogni giorno reti di solidarietà e di welfare di comunità sul territorio, nonostante il pregiudizio che oggi più che mai colpisce il Terzo settore. Scuole, servizi sociali, welfare di prossimità, imprese sociali e cooperative pagano a Roma un prezzo altissimo, che ha inevitabili e pesanti ricadute sull’utenza e sulla coesione sociale. La Riforma del Terzo settore, anche alla luce dell’istituto della coprogettazione, é lo strumento per ricostruire coesione sociale con un welfare di prossimità forte e una comunità educante diffusa.

 

DIRITTI
Dalla lotta alle discriminazioni all’affermazione dei diritti umani e civili. il tavolo si propone di aprire un dialogo con la città e l’associazionismo per dare centralità e voce alle donne ed ai loro percorsi di realizzazione.

 

TEMPI E ORARI DELLA CITTA’

Dettiamo i tempi alla Capitale! Come guadagnare in qualità e quantità di tempo per noi stesse, modificando gli orari della città.
A quasi 25 anni dal primo Piano Tempi e Orari della Città ideato da Mariella Gramaglia, e che tanti risultati e innovazioni produsse, vogliamo oggi rinnovare la sfida di costruire una Roma diversa.
Confronto con le romane su come cambiare ritmi, consuetudini e regole della Capitale, al fine di favorire le donne nella gestione del quotidiano: famiglia, lavoro e tempo libero.

 

LUOGHI DELLE DONNE

Mappatura dei luoghi delle donne di Roma. Proposte di spazi e luoghi nella città di servizi e accoglienza. Buone pratiche di luoghi delle donne a Roma e in Italia e messa in rete delle esperienze. Mobilitazione permanente per le battaglie delle donne e dei loro luoghi cittadini.

La Casa Internazionale delle Donne, Lucha y Siesta, l’Alveare sono solo alcuni dei luoghi e delle esperienze delle donne da valorizzare e ampliare mettendoli al riparo da provvedimenti meramente legalitari che li hanno messi a rischio.

 

SALUTE E BENESSERE DELLA DONNA

Pensare la salute della donna è tutelare la salute della società

Analisi e proposte per promuovere: una cultura della salute attenta al genere femminile pensando la salute non più in termini di cittadino “neutro” ma in termini di categorie uomini /donne che presentano differenze biologico funzionali, psicologiche, culturali e sociali.

Dialogo tra medicina, oggi in prevalenza uomo centrica, e medicina di genere, per garantire a ciascuno individuo il pieno potenziale e l’appropriatezza delle cure.

Equità sociale come prerequisito della salute e governo della sanità più ispirato all’etica della cura con la determinante di genere.

Sviluppo di una metodologia e di nuovi modelli organizzativi che mirino al superamento delle disuguaglianze di genere in ambito sanitario e potenzino le strutture sanitarie a tutela della salute della donna in un ottica di umanizzazione delle cure e degli spazi di cura.

 

NUOVO MODELLO DI SVILUPPO E LAVORO
Esploriamo il tema del lavoro come ricerca di se per le donne. Nuovi modelli di sviluppo, per dare senso e prospettive per le donne romane. Imprenditoria femminile, nuovi lavori, opportunità per le più giovani. A Roma la sfida importante si gioca proprio sull’occupazione femminile sotto del 14% rispetto a quella maschile. E la qualità del lavoro delle donne occupate a Roma? Ancora tanto da fare e recuperare nelle pari opportunità nel mercato del lavoro, conciliazione vita-lavoro, disuguaglianza salariale e nel congedo parentale. Il Tavolo si pone l’obiettivo di fare rete con le parti sociali, le associazioni, referenti delle istituzioni, istituti di ricerca e università romane che hanno svolto ricerche approfondite sul tema del lavoro e delle politiche di genere, nonché della formazione e delle ricadute sociali sul territorio romano, per avanzare proposte concrete soprattutto nell’agenda politica romana e regionale, anche con riferimento all’accesso al lavoro, alla formazione, alle tutele sindacali e standard del lavoro, legalità, contrasto alla discriminazione e al lavoro minorile e tutela ambientale.

 

PARTITO E REGOLE
La presenza paritaria di donne e di uomini in tutti gli organismi del Partito Democratico e nelle liste per le assemblee elettive, per quanto rappresenti un progresso fondamentale e positivo per la qualità della democrazia e della rappresentanza che il nostro partito esprime, non è tuttavia sufficiente a garantire la parità fra uomini e donne per le cariche monocratiche istituzionali e interne né tanto meno a incentivare e sostenere l’emergere di leadership femminili e la partecipazione delle donne alla vita e alle attività del partito. Una partecipazione necessaria a elaborare all’interno e spingere all’esterno politiche di genere utili a una società di donne e uomini che punti alla crescita sostenibile e al benessere di tutto il Paese. Il tavolo “Regole e partito” ha l’obbiettivo di discutere e individuare strumenti innovativi, di carattere sia regolamentare che di promozione culturale, in grado di favorire la rimozione degli ostacoli che si frappongono alla parità di genere nella partecipazione politica e nell’assunzione di responsabilità sia monocratiche che collegiali a tutti i livelli. Il tavolo si prefigge anche di offrire un contributo alla stesura del regolamento per l’avvio della Conferenza delle donne democratiche di Roma.