Nota della federazione del Pd Roma

In merito alla sentenza emessa in data odierna dal tribunale civile sulla delibera di organizzazione del giugno 2015, giova ricordare che detta delibera non è più in vigore. Da dicembre 2016 infatti è stata emanata una nuova delibera – di cui il giudice non poteva avere conoscenza – che trovate qui e che regola la nostra vita interna. Gli effetti concreti della sentenza sulla organizzazione della federazione e del congresso sono dunque inesistenti. Per quanto riguarda il merito della sentenza, la federazione si riserva di proporre appello.

Livia Turco: “Basta con l’autolesionismo, chi ama Roma sta con Roberto”

Federica Fantozzi, l’Unità, 17 giugno 2016
 
 

Livia Turco, ex ministro della Salute, sarà assessore al Welfare se Roberto Giachetti vincerà le elezioni. Lei proviene da una lunga militanza Pci-Pds-Ds, e dunque dall’ala sinistra dell’attuale Pd. In buona parte d’Italia, Roma compresa, Sel ha scelto la neutralità e non appoggerà il Pd. È un’occasione persa per il centrosinistra?

Continua a leggere

Panchine Rosse: fermiamo il femminicidio

L’amore non uccide. L’amore non brucia e non perseguita. Non spara e non colpisce. L’amore è fatto di libertà. Ma questa libertà non vale per tutti. La scelta di chiudere una storia, di dire basta, può costare la vita a una donna e qualche volta anche ai suoi figli. Non possiamo abituarci, o restare indifferenti: smettere di chiamare la violenza questione privata è stata una conquista politica, frutto di battaglie che hanno portato a leggi importanti. Ma non basta: serve l’impegno di tutti, nessuno escluso, per far uscire gli abusi dalle case e dalle strade.
Continua a leggere

La Prima(vera) di Roma: incontro con i candidati sindaco

Venerdì 15 aprile il Forum per la partecipazione attiva “La Prima(vera) di Roma” – promosso dall’Associazione Koinè – ospita l’incontro con i candidati a sindaco di Roma.

Presso l’Auditorium Antonianum, in viale Manzoni 1, alle 16.30 ci sarà l’apertura dei lavori con la presentazione del documento “19 idee e 100 domande”; dalle 18.30, l’incontro con i candidati presieduto da Fabrizio Barca a cui parteciperà anche Roberto Giachetti.

Qui tutte le info sull’iniziativa.

Nicola Zingaretti: “Niente paura il Giubileo è l’occasione per il riscatto di Roma”

Fabio Rossi, Il Messaggero – Cronaca di Roma, 20 novembre 2015

 
 

Che la gente abbia paura, in un momento come questo, «è assolutamente giustificabile». Ma bisogna reagire «innalzando il livello di sicurezza a tutela della città, essendo vigili ma anche forti nella reazione». Nicola Zingaretti si affaccia al Giubileo nell’impegnativa veste di massimo esponente istituzionale della Capitale, che arriva all’apertura della Porta Santa senza sindaco e con un alto livello di tensione, per la minaccia terroristica. Ma il governatore non dimentica il suo ruolo politico di primo piano, invitando il Pd a «ripartire dai bisogni di Roma». Continua a leggere

Ignazio Marino: “Tolleranza zero contro i campi abusivi”

Camilla Mozzetti, Il Messaggero, 31 maggio 2015

 

«Le persone che vivono nella legalità, che mandano i figli a scuola, devono avere un’opportunità; per tutti gli altri, per quelli che arrivano nella Capitale con l’intenzione di delinquere o con la violenza di criminali che uccidono, la città chiuderà loro le porte». È perentorio il sindaco Ignazio Marino nel momento in cui i riflettori tornano ad accendersi sull’emergenza nomadi nella Capitale. Tolleranza zero per i criminali e accoglienza, attraverso dei possibili “buoni casa”, per i nomadi che seguono le leggi. Continua a leggere

Matteo Orfini: “Senza legalità e sicurezza non c’è integrazione”

Alberto Gentili intervista Matteo Orfini, Il Messaggero, 30 maggio 2015

 

Presidente Orfini, dopo l’incidente di Primavalle dove un rom ha ucciso una donna e ferite altre otto, monta la protesta. Sono anni che si parla di emergenza nomadi, ma le soluzioni latitano.

«Il Pd questa emergenza ha già cominciato ad affrontarla. A Roma stiamo ripristinando la legalità nei campi che sono stati inaugurati da Alemanno, grazie alle politiche della Lega di Maroni e di Salvini. L’ex sindaco ha voluto gestire attraverso l’emergenza il fenomeno nomadi e le agghiancianti cronache giudiziarie hanno svelato le conseguenze: la gestione emergenziale rendeva più semplice alla criminalità infiltrarsi». Continua a leggere

Matteo Orfini: “Proteste lunari, Roma sta cambiando”

Giovanna Vitale, la Repubblica Roma, 22 maggio 2015

 

Matteo Orfini, dacché si ricordi, quello di domani è il primo corteo organizzato dai sindacati contro un sindaco. E per di più del Pd. Non le fa impressione?

«Le loro spiegazioni sono lunari, dimostrano solo una grandissima e allarmante inconsapevolezza di quello che è accaduto e sta accadendo a Roma. Quanto è avvenuto negli anni della giunta Alemanno, ed è emerso grazie al lavoro della procura, racconta di una caduta etica della città che ha diversi elementi di responsabilità, compresa l’incapacità diffusa delle classi dirigenti della politica, ma pure di sindacati e impresa di impedire questa decadenza».

Spesso si ha però la sensazione che la vicenda Mafia Capitale, pur tragica, venga utilizzata come alibi dal sindaco e ora anche da lei per coprire errori ed inefficienza dell’amministrazione: la città sporca, le buche, i trasporti che non funzionano…

«Nel momento in cui è scoppiato lo scandalo, la crisi di credibilità della capitale d’Italia era un tema drammatico per il Paese, non solo per Roma. A cui la giunta Marino ha saputo reagire con un cambio di passo importante». Continua a leggere