IO PARTECIPO: #6000ASSEMBLEE IN TUTTI I CIRCOLI

Da Roma a Milano, da Trionfale a Quarto Oggiaro #6000assemblee in tutta Italia per ritrovare l’orgoglio e la voglia di scommettere ancora sul futuro del Partito Democratico e dell’Italia. #iopartecipo

In questi giorni giorni i nostri circoli hanno spalancato le porte a tanti cittadini che con entusiasmo ci stanno chiedendo di entrare a far parte della nostra comunità. E allo stesso tempo in moltissime sezioni si stanno svolgendo incontri e assemblee per ritrovarsi e ripensare insieme il futuro del Partito Democratico. Ne siamo davvero felici e vi diciamo GRAZIE per questo straordinario ABBRACCIO che ci state regalando.
#iopartecipo #6000assemblee

Per tutte le info scrivi su FB o a pdromacomunica@gmail.com indicando tuo municipio di residenza e numero di telefono.

29064102_930482817126030_7193025514446746253_o 29313137_930482823792696_6349636906703344887_n

100 PROPOSTE: ASSUMERE 10MILA RICERCATORI DI TIPO B

I nostri ricercatori, tra i più bravi del mondo, hanno sempre fatto onore all’Italia. Anche quando i governi di centrodestra tagliavano risorse alla ricerca e all’università.

Con il Pd i fondi destinati a questo comparto sono tornati a crescere, ma si deve fare di più. A cominciare dall’assunzione di 10mila ricercatori di tipo B nei prossimi 5 anni. Perché più la ricerca cresce, più cresce l’Italia.

#100cosefatte, #100cosedafare

100 COSE FATTE, 100 COSE DA FARE
Le proposte del PD per un’Italia più #forte, più #giusta

Cinque anni fa l’Italia viveva una delle crisi economiche più difficili della stagione repubblicana. Il Pil aveva il segno meno, in una legislatura si erano persi oltre mezzo milione di occupati, gli indici di fiducia erano ai minimi. Nel giro di cinque anni il Paese si è rimesso in moto.

Il Pil ha cambiato segno e ora si avvicina al +2%, dal febbraio 2014 ci sono oltre un milione di posti di lavoro in più, gli indici di fiducia sono ai massimi. Tutto ciò è stato possibile grazie alle famiglie, alle imprese, ai nonni, ai lavoratori.

La strada tuttavia è ancora lunga. E si può percorrere solo passo dopo passo, senza scorciatoie. Non è tempo di facili promesse o di misure economiche azzardate. È il tempo della serietà e della responsabilità. Di chi non vende fumo ma offre solidità. È il tempo di più lavoro, più Europa, più cultura. Rivendichiamo con forza ciò che abbiamo fatto non per intestarci il passato, ma per indirizzare il futuro.

Leggi qui le #100cosefatte ma soprattutto le #100cosedafare

programma-100×100-A4web-7febOK

Clicca qui per il programma completo del Partito Democratico

 

La lettera di Andrea Casu alla sindaca Raggi sui deportati del Quadraro

Gentile Sindaca,

ogni anno tutta Roma ricorda la tragica mattina del 17 aprile del 1944 quando reparti tedeschi armati fino ai denti agli ordini di Kappler irruppero all’alba nelle abitazioni civili del Quadraro per rastrellare tutti gli uomini tra i 16 e i 55 anni che riuscirono a trovare, ragazzi e uomini che vennero poi avviati alla deportazione verso i campi di lavoro nei territori occupati dal Terzo Reich.

In quest’ultimo anno, grazie all’impulso dell’Associazione Nazionale Reduci dalla Prigionia, dall’Internamento, dalla Guerra di Liberazione e loro familiari (Anrp), da anni impegnata nella ricerca storica su questo avvenimento, l’Assemblea Capitolina ha sentitamente approvato l’11 aprile scorso – all’unanimità – una mozione per spronare finalmente il Comune di Roma a sostenere il censimento di tutti i rastrellati di allora, promuovere la concessione a coloro i quali sono ancora in vita, o ai loro eredi, della Medaglia d’Onore per gli Internati e i Deportati, onorificenza ufficiale della Repubblica Italiana e proporre inoltre, per coloro che sono ancora in vita, la nomina a Commendatori al Merito della Repubblica. Riconoscimenti attesi da oltre 70 anni da chi perse la vita o la ebbe violata per mano dell’occupante nazista e che non ha ancora avuto dalla Repubblica il giusto attestato del proprio valore.

Sono già passati otto mesi dal giorno in cui la mozione è stata approvata, nulla si è più saputo in merito ma in questo lasso di tempo ci hanno purtroppo lasciato, il 29 agosto, Romano Levantini e, il 5 ottobre, Sisto Quaranta, che i giornali hanno salutato come l’ultimo dei rastrellati del Quadraro. Non è così, perché sappiamo che è ancora in vita Guido Di Roma che ha anche testimoniato in Assemblea Capitolina e forse scopriremmo che lo sono anche altri, se Roma Capitale si impegnasse davvero a sostenere e collaborare alla ricerca dell’Anrp, come da impegno approvato con trasporto da tutti i consiglieri comunali.

Purtroppo, a causa dell’immobilismo di questi mesi del Comune, né Levantini né Quaranta potranno diventare Commendatori al Merito della Repubblica, come la mozione auspicava, in quanto questo tipo di decorazione è concedibile solo ai vivi. Ora, nel momento in cui una nuova deriva fascista, razzista e xenofoba soffia sul disagio della città, riconoscere e raccontare alle nuove generazioni la storia di Roma attraverso le vite e i volti dei suoi protagonisti che hanno vissuto le pagine più scure di quegli anni è un compito fondamentale delle istituzioni, così come lo è rispettare gli impegni liberamente presi verso persone e famiglie che hanno pagato un prezzo così alto. Per questo come cittadino romano, prima che come segretario del Partito Democratico di Roma, chiedo vivamente a lei e al vicesindaco Luca Bergamo (che su questo aveva promesso di impegnarsi) di onorare l’impegno che Roma Capitale ha assunto non solo verso di loro ma verso la storia, il presente e il futuro della nostra città.

Per questo, in attesa di una doverosa risposta istituzionale, il Partito Democratico di Roma organizzerà nelle prossime settimane appuntamenti per tenere viva la memoria e continuare a tenere alta l’attenzione.

Perché, cara Sindaca, sulla memoria e sulla libertà, non si possono prendere in giro i cittadini né concedersi dimenticanze.

Andrea Casu, segretario del Partito Democratico di Roma

Trasparenza, Pd Roma: “delibera bavaglio della Raggi non passerà”

“La nuova delibera bavaglio della Raggi, che tenta di limitare l’accesso agli atti della pubblica amministrazione, minando la possibilità di verificare l’azione di governo della capitale in aperto contrasto con i principi di trasparenza e legalità, non passerà. Faremo un’opposizione durissima e un’azione di informazione nella città, per far sapere ai romani come il M5S voglia oscurare l’azione amministrativa, rendendo più difficile il lavoro di dirigenti e consiglieri municipali” lo dichiarano in una nota Andrea Casu e Riccardo Corbucci, rispettivamente segretario e coordinatore della segreteria del Partito Democratico di Roma. “Da quel che si apprende a mezzo stampa con l’approvazione di questa delibera, ai dirigenti verrá chiesto di compiere una valutazione politica sull’accesso agli atti, immaginandone il potenziale uso strumentale e danno all’immagine che le risposte dell’amministrazione possono generare con la pubblicazione degli stessi sui social o sui blog” spiegano i democratici “agli amministratori municipali, invece, sará limitato l’accesso con la presunta motivazione di non aggravare il lavoro degli uffici. Questa è una delibera liberticida, che limita l’accesso agli atti della pubblica amministrazione umiliando il ruolo degli amministratori municipali. La ragione di questa improvvisa svolta dalla trasparenza totale proclamata in campagna elettorale alle norme bavaglio sull’accesso alle informazioni riguardanti l’azione del governo a 5 stelle è abbastanza evidente: la Sindaca vorrebbe silenziare i giornali e le opposizioni, colpevoli di raccontare quotidianamente i problemi causati dalla cattiva gestione della Capitale. Stia serena, non ci riuscirà”.

Migranti, Pd Roma: “Raggi lascia per strada 786 persone”

sprar“Lasciare 786 persone in mezzo a una strada pur avendo a disposizione le risorse per accoglierle, questa è l’unica discontinuità del Movimento 5 Stelle al Governo di Roma riguardo il tema dei migranti”.
Lo dichiarano, in una nota, Andrea Casu e Sibi Mani Kumaramangalam, Segretario e Presidente del Partito Democratico di Roma. “Era stata proprio La Raggi a chiedere ed ottenere dal Ministero dell’Interno 2.774 posti d’accoglienza del sistema dello Sprar salvo poi riuscirne ad affidarne soltanto 1.988 lasciando di conseguenza per strada ben 786 persone. Ancor più grave il fatto che dal 1° luglio a oggi l’amministrazione non abbia fatto nulla per trovare una soluzione pur potendo contare sugli 84 milioni di euro di finanziamenti già stanziati”.

“I dati rilevati oggi da In Migrazione suscitano interrogativi inquietanti sulle ragioni che possono aver spinto il M5S alla scelta di scaricare sulle cooperative il 5 per cento del cofinanziamento previsto e a prevedere una serie di criteri che hanno portato alla non assegnazione di tutti i posti autorizzati sui quali siamo certi che i nostri eletti in Campidoglio sapranno fare piena luce” continuano il segretario e il presidente del Pd Roma. “Non vorremmo che questa scelta incomprensibile fosse un cinico artificio numerico con il quale la Raggi intende provare a ridurre solo sulla carta il numero di migranti a Roma, lasciando di fatto in mezzo a una strada centinaia di persone che invece di poter rappresentare una risorsa per la nostra città rischiano così di alimentare problemi di ordine pubblico” concludono Casu e Kumaramangalam. “Una scelta disumana, alla quale ci opporremo in ogni sede. L’ennesima promessa tradita dalla Raggi che sceglie così di rinnegare il proposito dell’accoglienza diffusa con la quale si era presentata in campagna elettorale viaggiando in netta contro tendenza rispetto agli altri enti locali”.

Vigna Clara, M5S si astensione su mozione Pd per la riapertura della ferrovia

vigna clara“All’immobilismo di Virginia Raggi che possiamo testimoniare quotidianamente si affianca il pressapochismo e le mancate promesse delle giunte pentastellate che governano i diversi municipi. I consiglieri del Movimento 5 stelle del XV Municipio si sono astenuti sulla mozione presentata dal gruppo del PD sulla riapertura della ferrovia di Vigna Clara, asset strategico per i cittadini del quadrante, capace di collegare gli abitanti della zona a diverse parti della città e alle linee A e B della metro. La ferrovia è bloccata oramai da tanto tempo per un ricorso al TAR che si concluderà solo il prossimo 6 dicembre. Senza citare le promesse e le ipocrite dichiarazioni di vicinanza ai cittadini espresse in campagna elettorale da parte degli esponenti grillini, a rendere chiara la situazione è la mobilitazione dei cittadini della zona che ormai da tanto invocano l’apertura della ferrovia. Invece di accogliere la mozione del PD la maggioranza blocca il ripristino di una importante linea di comunicazione, agendo di fatto contro i cittadini che combattono per ottenere un trasporto pubblico adeguato alle loro necessità. Un comportamento vergognoso. Come segretario del Pd Roma sono al fianco dei cittadini del Municipio XV e di Vigna Clara in particolare che non meritano di vedere allungati ancora di molto i tanti disagi dovuti al blocco della ferrovia e continuerò lavorare al fianco dei consiglieri e dei militanti del Circolo PD Roma XV perché il diritto ad un servizio pubblico moderno e adeguato a favore dei cittadini romani sia preservato e rispettato” lo dichiara in una nota Andrea Casu, segretario romano del Partito Democratico.

direzione partito democratico

Prima direzione del Partito Democratico di Roma

direzione partito democratico

Nella seduta del 19 luglio la direzione del Partito Democratico di Roma ha votato all’unanimità la relazione del segretario Andrea Casu sul futuro dei trasporti pubblici a Roma. La relazione ha inquadrato l’attuale emergenza che sta vivendo la Capitale in un orizzonte storico più ampio richiamando i meriti delle amministrazioni di centrosinistra che hanno saputo riformare e risanare il settore a cavallo tra gli anni ’90 e i primi ‘00. Le scelte di questi ultimi 10 anni regalano invece a Roma una condizione drammatica: Atac ha oggi un debito di oltre 1350 milioni, è senza piano industriale da un anno, i piani per la valorizzazione dei beni non strumentali previsti non vengono avviati. Per offrire risposte politiche immediate viene indicato un percorso per dare vita ad una proposta politica del Partito Democratico, che sarà elaborata nelle prossime settimane da una commissione per il futuro del Trasporto Pubblico Locale, della quale fanno parte personalità e amministratori che hanno maturato esperienze e competenze sull’argomento. La proposta verrà condivisa con tutti gli iscritti dei circoli attraverso un percorso di approfondimento e condivisione nell’ambito della prossima festa de L’Unità del Pd Roma. Nel pieno rispetto di tutti coloro che sono impegnati individualmente nella raccolta firme sul referendum promosso dai radicali, strumento utile a coinvolgere i cittadini nelle scelte e a rilanciare il dibattito pubblico della città sul tema, in occasione della Direzione del 19 luglio il nuovo Partito Democratico di Roma ha scelto di non dividersi ma restare unito intorno alla relazione del segretario, per costruire una propria proposta utile a rilanciare il trasporto pubblico locale, che sia in grado di coniugare l’incremento della qualità del servizio, il miglioramento delle condizioni di lavoro e la difesa dei livelli occupazionali, non solo nell’orizzonte della gara del 2019 ma anche riguardo alle scelte immediate necessarie a salvare il presente e il futuro del Trasporto Pubblico Locale della Capitale.