Trasparenza, Pd Roma: “delibera bavaglio della Raggi non passerà”

“La nuova delibera bavaglio della Raggi, che tenta di limitare l’accesso agli atti della pubblica amministrazione, minando la possibilità di verificare l’azione di governo della capitale in aperto contrasto con i principi di trasparenza e legalità, non passerà. Faremo un’opposizione durissima e un’azione di informazione nella città, per far sapere ai romani come il M5S voglia oscurare l’azione amministrativa, rendendo più difficile il lavoro di dirigenti e consiglieri municipali” lo dichiarano in una nota Andrea Casu e Riccardo Corbucci, rispettivamente segretario e coordinatore della segreteria del Partito Democratico di Roma. “Da quel che si apprende a mezzo stampa con l’approvazione di questa delibera, ai dirigenti verrá chiesto di compiere una valutazione politica sull’accesso agli atti, immaginandone il potenziale uso strumentale e danno all’immagine che le risposte dell’amministrazione possono generare con la pubblicazione degli stessi sui social o sui blog” spiegano i democratici “agli amministratori municipali, invece, sará limitato l’accesso con la presunta motivazione di non aggravare il lavoro degli uffici. Questa è una delibera liberticida, che limita l’accesso agli atti della pubblica amministrazione umiliando il ruolo degli amministratori municipali. La ragione di questa improvvisa svolta dalla trasparenza totale proclamata in campagna elettorale alle norme bavaglio sull’accesso alle informazioni riguardanti l’azione del governo a 5 stelle è abbastanza evidente: la Sindaca vorrebbe silenziare i giornali e le opposizioni, colpevoli di raccontare quotidianamente i problemi causati dalla cattiva gestione della Capitale. Stia serena, non ci riuscirà”.

Migranti, Pd Roma: “Raggi lascia per strada 786 persone”

sprar“Lasciare 786 persone in mezzo a una strada pur avendo a disposizione le risorse per accoglierle, questa è l’unica discontinuità del Movimento 5 Stelle al Governo di Roma riguardo il tema dei migranti”.
Lo dichiarano, in una nota, Andrea Casu e Sibi Mani Kumaramangalam, Segretario e Presidente del Partito Democratico di Roma. “Era stata proprio La Raggi a chiedere ed ottenere dal Ministero dell’Interno 2.774 posti d’accoglienza del sistema dello Sprar salvo poi riuscirne ad affidarne soltanto 1.988 lasciando di conseguenza per strada ben 786 persone. Ancor più grave il fatto che dal 1° luglio a oggi l’amministrazione non abbia fatto nulla per trovare una soluzione pur potendo contare sugli 84 milioni di euro di finanziamenti già stanziati”.

“I dati rilevati oggi da In Migrazione suscitano interrogativi inquietanti sulle ragioni che possono aver spinto il M5S alla scelta di scaricare sulle cooperative il 5 per cento del cofinanziamento previsto e a prevedere una serie di criteri che hanno portato alla non assegnazione di tutti i posti autorizzati sui quali siamo certi che i nostri eletti in Campidoglio sapranno fare piena luce” continuano il segretario e il presidente del Pd Roma. “Non vorremmo che questa scelta incomprensibile fosse un cinico artificio numerico con il quale la Raggi intende provare a ridurre solo sulla carta il numero di migranti a Roma, lasciando di fatto in mezzo a una strada centinaia di persone che invece di poter rappresentare una risorsa per la nostra città rischiano così di alimentare problemi di ordine pubblico” concludono Casu e Kumaramangalam. “Una scelta disumana, alla quale ci opporremo in ogni sede. L’ennesima promessa tradita dalla Raggi che sceglie così di rinnegare il proposito dell’accoglienza diffusa con la quale si era presentata in campagna elettorale viaggiando in netta contro tendenza rispetto agli altri enti locali”.

Vigna Clara, M5S si astensione su mozione Pd per la riapertura della ferrovia

vigna clara“All’immobilismo di Virginia Raggi che possiamo testimoniare quotidianamente si affianca il pressapochismo e le mancate promesse delle giunte pentastellate che governano i diversi municipi. I consiglieri del Movimento 5 stelle del XV Municipio si sono astenuti sulla mozione presentata dal gruppo del PD sulla riapertura della ferrovia di Vigna Clara, asset strategico per i cittadini del quadrante, capace di collegare gli abitanti della zona a diverse parti della città e alle linee A e B della metro. La ferrovia è bloccata oramai da tanto tempo per un ricorso al TAR che si concluderà solo il prossimo 6 dicembre. Senza citare le promesse e le ipocrite dichiarazioni di vicinanza ai cittadini espresse in campagna elettorale da parte degli esponenti grillini, a rendere chiara la situazione è la mobilitazione dei cittadini della zona che ormai da tanto invocano l’apertura della ferrovia. Invece di accogliere la mozione del PD la maggioranza blocca il ripristino di una importante linea di comunicazione, agendo di fatto contro i cittadini che combattono per ottenere un trasporto pubblico adeguato alle loro necessità. Un comportamento vergognoso. Come segretario del Pd Roma sono al fianco dei cittadini del Municipio XV e di Vigna Clara in particolare che non meritano di vedere allungati ancora di molto i tanti disagi dovuti al blocco della ferrovia e continuerò lavorare al fianco dei consiglieri e dei militanti del Circolo PD Roma XV perché il diritto ad un servizio pubblico moderno e adeguato a favore dei cittadini romani sia preservato e rispettato” lo dichiara in una nota Andrea Casu, segretario romano del Partito Democratico.

direzione partito democratico

Prima direzione del Partito Democratico di Roma

direzione partito democratico

Nella seduta del 19 luglio la direzione del Partito Democratico di Roma ha votato all’unanimità la relazione del segretario Andrea Casu sul futuro dei trasporti pubblici a Roma. La relazione ha inquadrato l’attuale emergenza che sta vivendo la Capitale in un orizzonte storico più ampio richiamando i meriti delle amministrazioni di centrosinistra che hanno saputo riformare e risanare il settore a cavallo tra gli anni ’90 e i primi ‘00. Le scelte di questi ultimi 10 anni regalano invece a Roma una condizione drammatica: Atac ha oggi un debito di oltre 1350 milioni, è senza piano industriale da un anno, i piani per la valorizzazione dei beni non strumentali previsti non vengono avviati. Per offrire risposte politiche immediate viene indicato un percorso per dare vita ad una proposta politica del Partito Democratico, che sarà elaborata nelle prossime settimane da una commissione per il futuro del Trasporto Pubblico Locale, della quale fanno parte personalità e amministratori che hanno maturato esperienze e competenze sull’argomento. La proposta verrà condivisa con tutti gli iscritti dei circoli attraverso un percorso di approfondimento e condivisione nell’ambito della prossima festa de L’Unità del Pd Roma. Nel pieno rispetto di tutti coloro che sono impegnati individualmente nella raccolta firme sul referendum promosso dai radicali, strumento utile a coinvolgere i cittadini nelle scelte e a rilanciare il dibattito pubblico della città sul tema, in occasione della Direzione del 19 luglio il nuovo Partito Democratico di Roma ha scelto di non dividersi ma restare unito intorno alla relazione del segretario, per costruire una propria proposta utile a rilanciare il trasporto pubblico locale, che sia in grado di coniugare l’incremento della qualità del servizio, il miglioramento delle condizioni di lavoro e la difesa dei livelli occupazionali, non solo nell’orizzonte della gara del 2019 ma anche riguardo alle scelte immediate necessarie a salvare il presente e il futuro del Trasporto Pubblico Locale della Capitale.

Raccolta di solidarietà: emergenza freddo/terremoto

Chi vive a Roma sa che in questi giorni fa molto freddo. Per chi ha una casa è un disagio relativo. Ma per i molti che non la hanno, o che vivono in situazioni di difficoltà, può essere un pericolo letale. Per questo molte delle reti solidali si sono attivate per dare una mano. E lo faremo anche noi.
Già il 29 novembre scrivemmo al Prefetto per dire che le nostre sedi sono a disposizione per proteggere chi è senza fissa dimora. Ma ovviamente non basta questo. Croce rossa, Comunità di Sant’Egidio e altri hanno lanciato un appello a raccogliere nel più breve tempo possibile coperte, sacchi a pelo, giacconi invernali, sciarpe, cappelli, guanti.
Come già fatto per la raccolta di giocattoli per i bimbi meno fortunati, ancora una volta attiviamo la raccolta anche nelle nostre sedi per l’emergenza freddo e per aiutare le popolazioni colpite dal terremoto:

  • Sezione Pd Pisana Bravetta: martedì e giovedì 17.00-18.30 dal 10 al 12 gennaio
  • Sezione Pd Corviale Muratella: mercoledì e giovedì dalle 17.00 alle 19.00, venerdì dalle 10.00 alle 12.00
  • Sezione Pd Talenti: lunedì e giovedì dalle 18.30 alle 20.00
  • Sezione Pd Nuovo Salario: giovedì dalle 17.00 alle 20.00
  • Sezione Pd Tor Bella Monaca: da lunedì a venerdì, dalle 17.00 alle 19.00. Martedì 17 e venerdì 20 anche la mattina dalle 9.00 alle 11.00
  • Sezione Pd Ponte Milvio: martedì, mercoledì e giovedì dalle 17.30 alle 19.30 e sabato dalle 11.00 alle 13.00
  • Sezione Pd Aurelio Cavalleggeri, martedì 10 dalle 18.00 alle 20.00, venerdì 13 dalle 18.00 alle 20.00
  • Sezione Pd Magliana, sabato 21 dalle 16.00 alle 19.00, martedì 24 dalle 15.00 alle 18.00, venerdì 27 dalle 10.00 alle 12.30 e dalle 15.00 alle 19.00 (via Vaiano 5)
  • Sezione Pd Laurentino, domenica 22 dalle 11.00 alle 19.00
  • Sezione Pd Aurelio, sabato 21 mattina dalle 10.00 alle 12.00, pomeriggio dalle 16,30 alle 19.00. Lunedi 23 dalle 17,30 alle 20.00 (via Graziano 15)
  • Sezione Pd Pietralata, sabato 21 dalle 15.00 alle 17.oo (via G. Michelotti 57)
  • Sezione Pd Eur, sabato 21 dalle 18.00 alle 20.00
  • Sezione Pd Villa Gordiani via Prenestina, 370/H, martedì  24 gennaio  dalle 18.00 alle 20.00
  • Sezione PD Torpignattara, via di Torpignattara, 97, da lunedì 23 a venerdì 27 gennaio dalle 17.30 alle 19.30
  • Sezione Pd Pigneto Prenestino, venerdì 27 gennaio dalle 18.00 alle 20.00

 

 

Al lavoro per Roma

Le ultime vicissitudini della giunta Raggi devono spingerci a riflettere: davvero non possiamo ancora una volta cadere negli errori del passato, rischiando di non farci trovare pronti a una sfida che potrebbe rinnovarsi prima del previsto. Ci siamo già cascati durante la giunta Alemanno: una opposizione strillata nei toni ma consociativa nei metodi. Un partito ostaggio di una guerra tra bande. E l’assenza totale di una riflessione sulla città. Anche questa nostra inadeguatezza ha permesso a mafia capitale di attecchire. Continua a leggere

Raccolta di solidarietà

È da qualche mese che il PD di Roma collabora in maniera costante con tante reti di solidarietà e di impegno civico. Le nostre sedi devono essere sempre più luoghi di discussione e partecipazione, ma soprattutto strumenti al servizio della nostra comunità. Anche per questo da domani fino al 5 gennaio alcune sezioni del Pd Roma saranno aperte dai nostri volontari per raccogliere giocattoli nuovi o usati. Li doneremo il giorno della Befana a tutti i bambini che trovano accoglienza nei centri della Croce Rossa e delle Acli di Roma.
Qui trovate orari e indirizzi dei primi circoli aperti. Altri se ne aggiungeranno nei prossimi giorni.

  • Sezione Corviale Muratella: 28 e 29 dicembre dalle 10.30 alle 12.30
  • Sezione Prima Porta / Labaro: 28, 29, 30 dicembre dalle 16.00 alle 19.00
  • Sezione Ponte Milvio: 28, 29, 30 dicembre dalle 17.00 alle 19.00 – 2, 3 gennaio dalle 17.00 alle 19.00 – 4 gennaio dalle 11.00 alle 12.30
  • Sezione Marconi: 29, 30 dicembre dalle 18.00 alle 20.00 – 4 gennaio dalle 18.00 alle 20.00 – 5 gennaio dalle 10.00 alle 12.00 e dalle 16.00 alle 20.00
  • Sezione Montesacro: 29 dicembre, 2, 3 gennaio dalle 18.30 alle 20.00
  • Circolo Pd Eur, piazzale Adenauer: 29 dicembre, dalle 16.00 alle 19.30
  • Circolo Pd Municipio IX, via Ignazio Silone: 30 dicembre dalle 16.00 alle 19.00
  • Sezione Pisana-Bravetta: 31 dicembre mattina, dal 2 al 5 gennaio dalle 17.30 alle 19.00
  • Sezione Montespaccato: 31 dicembre mattina dalle 10.00 alle 12.00 – dal 2 al 5 gennaio dalle 18.00 alle 20.00
  • Circolo Pd Talenti, via G. Verga: 4 gennaio dalle 18.00 alle 20.00
  • Circolo Pd Aurelio Cavalleggeri, via Graziano 15: 4 e 5 gennaio dalle 18.00 alle 20.00

 

 

Le proposte del Pd romano su 19 temi della città,
di Riccardo Corbucci

Riccardo Corbucci, l’Unità, 15 novembre 2016

 

A cinque mesi dall’elezione di Virginia Raggi a sindaco di Roma, il Pd ha aperto le porte all’ascolto della città con l’iniziativa “Un tavolo per Roma”, dedicato alla discussione e all’elaborazione di proposte per rilanciare una capitale in declino. Per tutta la giornata di domenica, al Rome Life Hotel, 500 persone hanno partecipato ai tavoli di lavoro, promossi dai 19 forum tematici del Pd Roma, che dall’ambiente al lavoro, dai servizi sociali alla scuola, dall’urbanistica ai trasporti, hanno prodotto documenti e lanciato proposte, da trasformare in sfide politiche all’amministrazione.

Continua a leggere

Marco Tolli: Palazzina Ponte Milvio, le nostre proposte nel consiglio straordinario

«Sulla situazione generata dal crollo della palazzina di via della Farnesina, il Campidoglio non sta facendo nulla e questa inerzia lascia tutti in una situazione di grande disagio. Prima di tutto i proprietari degli immobili che non riescono ad avere interlocutori credibili: su di loro pesa l’ordine di demolizione, tuttavia ancora non autorizzato dalla Procura di Roma. Poi ci sono i vicini che aspettano con ansia di tornare nelle proprie abitazioni e che venga disinnescato il pericolo di crollo. Infine il quartiere, il suo tessuto produttivo e commerciale, messo a dura prova dalla presenza dei transennamenti che impongono pesanti restrizioni alla viabilità. Un vero disastro».

È quanto dichiara in una nota Marco Tolli, responsabile politiche del territorio del Pd di Roma.

«Occorre fare presto. Innanzitutto vanno rettificate le disposizioni dell’ordinanza del Sindaco n. 85/2016 perché prevede azioni che, al momento, non possono essere eseguite dai proprietari. Fondamentale è poi la garanzia di un forte controllo pubblico sull’intervento di demolizione e ricostruzione del fabbricato, attraverso un ruolo primario dell’amministrazione di coordinamento delle attività edilizie e di sostegno ai proprietari sotto il profilo delle procedure, della progettazione, dell’accesso al credito, della individuazione degli alloggi temporanei. Infine occorre prevedere una seria campagna di indagini geognostiche, utile a conoscere le condizioni del sottosuolo. In poche parole il Campidoglio può e deve fare molto di più. Molto bene la convocazione del consiglio straordinario richiesto dal Pd, sarà quella la sede nella quale i nostri consiglieri porteranno le proposte».