Elezioni europee: il Partito Democratico a Roma è primo partito!

PD Primo Partito

Elezioni Europee: il Partito Democratico a Roma è primo partito!

Carissime, carissimi,

GRAZIE.

La grandissima affermazione della lista unitaria del Partito Democratico nella città di Roma premia il lavoro di squadra di tutto il nostro Partito, dal nostro segretario nazionale Nicola Zingaretti a ogni singolo militante, l’impegno di tutte le nostre candidate e i nostri candidati e dei loro comitati. I risultati elettorali nella nostra città confermano la crescita a Roma del Partito Democratico: per i romani l’alternativa più credibile al governo dell’odio e del fallimento di Salvini e Di Maio e al disastro Raggi. Raggiungere il 30,62% dei voti rappresenta però oggi per noi un punto di partenza, non di arrivo che deve spingerci a raddoppiare gli sforzi. Stiamo costruendo, giorno dopo giorno, al fianco dei romani, un nuovo PD capace di andare incontro con umiltà alla città che si ribella e che resiste, pronto a confrontarsi con le reti civiche e associative, che può guardare al domani con una speranza rinnovata.  Un partito che, grazie al contributo dei segretari di tutti i circoli, dei nostri eletti del gruppo dirigente romano, ha saputo essere unito e compatto anche in questa campagna elettorale. Il risultato di Roma – che insieme alla prossima Festa dell’Unità sarà all’ordine del giorno della Direzione romana in programma martedì 11 giugno alle ore 19 presso la sede nazionale del partito – si inserisce in un percorso frutto di un lavoro quotidiano, troppo spesso sottovalutato dai media, di cui voglio per prima cosa ringraziare tutti i militanti della Capitale. Un lavoro comune che ci ha visto raggiungere traguardi importantissimi negli ultimi due anni: 4 collegi vinti alla Camera nella debacle delle elezioni politiche; primo partito alle elezioni regionali e contributo determinante della Capitale nella vittoria; mandati a casa i presidenti di tre municipi, primarie aperte per la riconquista dei municipi III e VIII che hanno portato alle vittorie di Caudo e Ciaccheri, sostenuti dal PD primo partito. Il fallimento di Virginia Raggi ha polverizzato il M5s. E la Lega, pur registrando un pericoloso avanzamento specie nelle periferie, non riesce ad arrivare al cuore di Roma. Durante tutta la campagna elettorale abbiamo organizzato decine di iniziative di partito, centinaia di volantinaggi e segnalato tutte le iniziative delle nostre candidate e candidati tenendo sempre un faro acceso sulle questioni della nostra città, sulle emergenze vissute ogni giorno dai romani: penso ai rifiuti, ai trasporti, alle condizioni devastate delle strade, alle metro chiuse e ai disagi a cui quotidianamente è condannata l’intera nostra città, in particolar modo in periferia. Siamo stati con i nostri amministratori durante gli episodi di rivolte a Torre Maura, Casalotti, Casal Bruciato, dove la Lega e il Movimento Cinque Stelle hanno seminato solo odio e rancore. Dobbiamo continuare il nostro impegno, dare risposte concrete ai problemi quotidiani dei cittadini, garantire una presenza costante sul territorio. Quello che dobbiamo fare ora è costruire un grande progetto per l’alternativa che coinvolga le migliori energie della città in una riscossa civica e politica. Dobbiamo continuare a lavorare tutti insieme per costruire l’alternativa e affrontare uniti i nostri avversari che sono sempre fuori, mai dentro, il nostro partito. In vista delle prossime amministrative del 2021 per coinvolgere le migliori energie della città nella costruzione di un nuovo progetto, partendo dalle idee per il futuro e non dai nomi dei candidati. Come abbiamo sempre fatto fino a oggi.

Un caro abbraccio a tutte e tutti, al lavoro e alla lotta.

Andrea Casu

Segretario PD Roma

Nicola Zingaretti segretario!

Complimenti e buon lavoro al nostro nuovo segretario nazionale Nicola Zingaretti. Grazie anche a Roberto Giachetti, Maurizio Martina e soprattutto a tutti i volontari che animano la più bella comunità politica italiana, quella dei militanti del Partito Democratico. Insieme a tutte e tutti gli elettori che ieri si sono messi in fila ai gazebo, abbiamo scritto, insieme, una grandissima pagina di democrazia. La straordinaria partecipazione alle #primarie2019 nella Capitale è una vittoria per tutta la nostra città. Ora tutti al lavoro per il futuro di Roma e dell’Italia.

Marco Tolli: Palazzina Ponte Milvio, le nostre proposte nel consiglio straordinario

«Sulla situazione generata dal crollo della palazzina di via della Farnesina, il Campidoglio non sta facendo nulla e questa inerzia lascia tutti in una situazione di grande disagio. Prima di tutto i proprietari degli immobili che non riescono ad avere interlocutori credibili: su di loro pesa l’ordine di demolizione, tuttavia ancora non autorizzato dalla Procura di Roma. Poi ci sono i vicini che aspettano con ansia di tornare nelle proprie abitazioni e che venga disinnescato il pericolo di crollo. Infine il quartiere, il suo tessuto produttivo e commerciale, messo a dura prova dalla presenza dei transennamenti che impongono pesanti restrizioni alla viabilità. Un vero disastro».

È quanto dichiara in una nota Marco Tolli, responsabile politiche del territorio del Pd di Roma.

«Occorre fare presto. Innanzitutto vanno rettificate le disposizioni dell’ordinanza del Sindaco n. 85/2016 perché prevede azioni che, al momento, non possono essere eseguite dai proprietari. Fondamentale è poi la garanzia di un forte controllo pubblico sull’intervento di demolizione e ricostruzione del fabbricato, attraverso un ruolo primario dell’amministrazione di coordinamento delle attività edilizie e di sostegno ai proprietari sotto il profilo delle procedure, della progettazione, dell’accesso al credito, della individuazione degli alloggi temporanei. Infine occorre prevedere una seria campagna di indagini geognostiche, utile a conoscere le condizioni del sottosuolo. In poche parole il Campidoglio può e deve fare molto di più. Molto bene la convocazione del consiglio straordinario richiesto dal Pd, sarà quella la sede nella quale i nostri consiglieri porteranno le proposte».

Bilancio, nota della Federazione Pd Roma in risposta alle dichiarazioni dell’onorevole Marco Miccoli

In merito a quanto dichiarato dall’on. Marco Miccoli è necessario fare chiarezza.

In primo luogo il Partito Democratico non ha ereditato i debiti dei partiti fondatori, tantomeno quelli del fu Pci, Pds e poi Ds poiché, come noto, non esiste alcuna continuità giuridica. Analogo discorso deve essere fatto per i circoli, il cui indebitamento deve essere calcolato dalla nascita del Pd.

Per quanto poi riguarda il debito della Federazione romana, proprio durante la segreteria dell’on. Miccoli è cresciuto in maniera considerevole e non sempre le feste dell’Unità, tenutesi a Caracalla, hanno prodotto utili. Tra l’altro, come accaduto con gli altri segretari, l’on. Miccoli fu informato a più riprese della situazione economica che si stava determinando e che oggi si sta traducendo nella dolorosa necessità di chiudere alcuni circoli.

È chiaro che non è compito dei segretari politici stilare bilanci, ma la responsabilità politica della gestione della Federazione è la loro. Fatti che l’on. Miccoli potrà verificare personalmente con la tesoreria.

Matteo Orfini: “Inflessibili con criminali, disastro campi rom è prodotto della destra”

“Quanto accaduto a Roma è gravissimo. Bisogna essere inflessibili con i criminali e fare di tutto per assicurarli alla giustizia. È fondamentale lo sforzo che in queste ore le forze dell’ordine stanno mettendo in campo e a loro va il nostro ringraziamento e sostegno. Stiamo insieme lavorando per riportare la legalità a Roma. Legalità che non si può e non si deve fermare alle porte dei campi nomadi. Continua a leggere